TRIO SONATA

Blue Baroque

 

CARLO NICITA flute e Albisiphon bass flute
ELOISA MANERA violin

TITO MANGIALAJO RANTZER double bass

Dalla musica antica al jazz conemporaneo

COVER NOTES BY CLAUDIO SESSA

Improvvisazione jazzistica e musica europea antica (o forse andrebbe chiamata «preclassica»): un incontro che fa sempre levare qualche sopracciglio, e a ragion veduta. Molte volte, nel corso della storia del jazz, anche esecutori di rilievo si sono accostati con leggerezza alla grande tradizione accademica, nella convinzione che un’aria celebre potesse essere trattata secondo le stesse logiche che valgono per una canzone di Broadway, o nella facile presunzione che l’impulso ritmico di certi autori rispondesse alle stesse logiche dello swing afroamericano. 
Ci sono, naturalmente, le luminose eccezioni: il Bach di John Lewis e quello di Uri Caine (ma anche il magico Concerto per due violini ricreato da Stéphane Grappelly e Eddie South, auspice il basso continuo di Django Reinhardt), oppure lo Scarlatti di Enrico Pieranunzi. Epperò di eccezioni si tratta. Allora fra le belle eccezioni bisogna aggiungere l’avventura sonora del Trio Sonata, che attraversa cinque secoli di invenzioni musicali europee con l’atteggiamento dei jazzisti autentici. Ciò significa che non viene necessariamente rispettata la struttura tema / improvvisazioni sulle armonie / ritorno al tema, una formula che soltanto i distratti possono ritenere «il» modo di fare jazz.
Carlo, Eloisa e Tito si ispirano alle melodie e ai territori armonici dei brani da cui prendono il via, ma anche alla loro organizzazione formale profonda, per smontarne e ricostruirne lo spirito; evocando così con l’inventiva dei timbri strumentali il tessuto connettivo fra Europa e Nordamerica. Sanno farlo senza trascurare la ricchezza culturale di partenza, ma aggiungendovi nuovi significati espressivi. Nelle loro articolate esecuzioni ci permettono cioè di percepire in filigrana quanto la musica ha esplorato nel frattempo, dimostrando che l’uso della storia è sempre una riflessione sul presente.

Claudio Sessa

Claudio Sessa sta scrivendo una storia del jazz di cui sono usciti per Il Saggiatore due volumi: Le età del jazz- I contemporanei e Improvviso singolare.

20190511_120438

20190511_120438

20190509_140942_001

20190509_140942_001

20190509_140843_001

20190509_140843_001

20190509_140546_001

20190509_140546_001

20190511_121316

20190511_121316

Teatro Argomm Milano

Teatro Argomm Milano

Teatro Argomm Milano

Teatro Argomm Milano

  • Youtube
  • Facebook

Abbiamo deciso che il ricavato totale delle vendite digitali del disco BLUE BAROQUE, fino al 15 giugno, sarà devoluto alla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia che da settimane è in prima linea nella ricerca e nella gestione dell'emergenza da Coronavirus.

  • 09 GIGA TARANTOLA ANTICCHIA
  • -
  • CARLO NICITA
00:00 / 00:00
  • CANONE STANCO
  • -
  • CARLO NICITA
00:00 / 00:00
  • 03 BOUREE RONDEAU BADINERIE, AUS DER ORCHESTRERSUITE NR 2, BWV 1067
  • -
  • J. S. BACH
00:00 / 00:00

We Are

MOVERS & SHAKERS

© 2023 by Classical Musician. Proudly made by Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now